Via Lemani Dalculo (Ehm...) MilleFinestre...Unafinestra...Microids per PC

a cura di Alessandro La Spada

Via Lemani Dalnaso

Negate tutto, anche Evidence...

I guai sanno scegliere benissimo le loro vittime. Devono essere stanchi, tranquilli e per niente vogliosi di fare gli eroi.

Che bella top... ehm... tipa!Come in ogni avventura che si rispetti, la storia inizia con il protagonista intento a lavorare per nulla conscio della grana che sta per capitargli. Dan è un giornalista di Canale Z, una di quelle reti tutte informazione e telegiornali, e si è appena lasciato con la ragazza, l’affascinante Sarah. Lo troviamo pronto a mettersi al lavoro su un articolo quando l’ascolto dei messaggi sulla segreteria telefonica lo costringe a soprassedere. Sarah lo vuole vedere di corsa e al cuor non si comanda: peccato però che la ragazza non riuscirà mai a dirgli il motivo della chiamata, visto che la fanno fuori intanto che Dan sta andando là. Dove finiremo presto noi redattori sfaccendati...Ovviamente è lui il primo indiziato, e voi dovete dargli una mano.
Nel corso di quest’avventura grafica dovete esplorare una serie di locazioni disponibili a mano a mano che qualcuno ve le nomina, muovendovi al loro interno tramite le classiche sequenze precalcolate e interagendo con gli oggetti e le persone. È di vitale importanza raccogliere informazioni, ragion per cui i dialoghi sono a scelta multipla e potete ripetere più volte le stesse frasi, se comportano risultati importanti. L’interfaccia non è di certo ostica: per ogni oggetto e punto del paesaggio potete scegliere solo se esaminarlo o usarlo. Sarà normalmente il computer a segnalarvi l’azione ideale, ma questo non è sempre automatico e in alcuni casi vi toccherà selezionare precisamente la cosa da fare sul punto giusto.
Aiuto!!! La caporedazione di Console ManiaaaaaH!Cosa che talvolta potrebbe veramente bloccarvi, se vi affidaste completamente ai suggerimenti elettronici, dimenticando che in quel punto il computer potrebbe aspettare un input più preciso del solito da parte vostra.
Ciò in cui Evidence vorrebbe differenziarsi dagli altri è che non è "solo" pensiero, e ogni tanto dovrete affrontare vari tipi di arcade in soggettiva. Quello che ricorre più spesso vi vede armati di una pistola intenti a far fuori i nemici, in perfetto Doom-style, per raggiungere la fine dello scenario. E quando vi dico "Doom" intendo proprio "Doom", visto che il motore grafico è abbastanza pixelloso e bruttarello se teniamo conto degli standard odierni. È sicuramente meglio far girare il gioco su un Pentium con scheda video adeguata (almeno 2 Mb, visto che ci sono un sacco di animazioni) e un CD-ROM veloce per il frequente accesso al disco, altri grossi requisiti non ce ne sono. Martiri giudiziari e vittime dell’ottusità dei commissari di periferia drizzate le orecchie: non so quanto vi possa piacere, ma è tornato il vostro momento.

Evidence di reato...Come giallo classico Evidence va bene, visto che gli elementi di questo tipo di giochi ci sono tutti e la trama segue una sua logica. La realizzazione tecnica è buona, con dei modellini poligonali che sostituiscono il full-motion video e vi mostrano i risultati delle azioni, mentre il buon gusto mi impone di non giudicare esplicitamente le sezioni in soggettiva. Una cosa che proprio non apprezzo (quando me la trovo di fronte) è la possibilità di ripetere più e più volte le stesse frasi senza che l’interlocutore mi mandi a quel paese. Non che mi piaccia essere mandato a quel paese, intendiamoci, però una situazione di questo tipo è del tutto irrealistica e finisce per estromettere il giocatore dall’atmosfera. Un difetto al quale la maggior parte degli avventurieri è purtroppo abituata da tempo, e che per questo non inciderà molto sulla valutazione finale. Evidence non ha "punti deboli" e resta valido per gli amanti del genere, ma comunque non aggiunge niente alle vostre esperienze videoludiche.

PRESENTAZIONE 75%
L’introduzione è ridotta all’osso, e in una adventure non è l’ideale.

GRAFICA 82%
Buone le animazioni, ma le sezioni in soggettiva sono proprio brutte.

SONORO 85%
Né esalatante né vario, ma a me è piaciuto.

APPETIBILITA' 84%
Sicuramente l’interfaccia è facile mentre la storia, essendo un classico, vi "deve" piacere.

LONGEVITA' 83%
La scarsa interattività del sistema a locazioni fisse con movimenti precalcolati può alla lunga farsi sentire.

GLOBALE 83%
Niente di nuovo sotto il sole.

Ma sei scemo? Che credi di trovare sul separatore?

<<< Back to Zzap! home page torna all'indice

^
Back to XOL
torna a Xenia On Line

ultimi aggiornamenti >>>